Do Diesis Minore

Moonlight Sonata e un lieve tepore.
Queste bugie sono le mura del mio castello,
labirinto di Cnosso,
i pensieri si perdono,
su cera di ali,
Dedalo brucia,
metà uomo metà bestia,
non sento più nulla da tempo.

Potrei raccontarti di quando ero fottutamente felice.

φθόνος τῶν θεῶν.

Ne ho temuto così fortemente la vendetta,
che pur di difendere strenuamente quella fatua felicità,
ho finito per ridurre tutto ad un’opaca attesa.

Li ho aspettati.
Accanto alla porta sul retro. Invano.
Ho capito tardi che non sarebbero mai arrivati.
In fondo non v’era più il movente.

Ero diventato come loro. Divinamente infelice.

Potrei raccontarti di lei.
Arianna ed il suo filo,
il suo amore incondizionato,
algida stretta di un legame senza chimica.
Lei che per salvarmi l’anima perde il bandolo della matassa,
psicoanalisi e Lexotan,
Caron dimonio e l’isola di Nasso.
Perchè, devi sapere, gli abbandoni non sono mai tutti uguali.

Moonlight Sonata e 602 giorni.
Non ho mai creduto alla casualità degli accostamenti.
Nemmeno tra le parole.

Annunci

21 thoughts on “Do Diesis Minore

  1. “Gli ho aspettati.
    Accanto alla porta sul retro. Invano.
    Ho capito tardi che non sarebbero mai arrivati.
    In fondo non v’era più il movente.”

    “Gli”?
    refusino…
    correggere…
    Il resto, no. Che va bene così!
    😉

  2. C’è che io sono classicista di origine. Il mio lato umanistico mi ringhia fra i file di analisi dei dati. E ora l’hai risvegliato.
    Non so se dirti grazie o vaffanculo, per la malinconia.

  3. ” …It’s easy to forget what side you’re on.” Dice il protagonista nel film ” Confessioni di una mente pericolosa” e nella colonna sonora ( che caso strano) compare la suonata in do diesis minore, ossia Moonlight. Povera Arianna, naufraga di solitudine a Nasso e povero Teseo, politically incorrect, vittima di Cnosso. Spia o eroe, non c’e’ catarsi sotto il chiaro di luna. Bella poesia, per il vaffanculo ne scegliero’ un’altra, scorgo diverse possibilita’… 😏

    1. Reputo il film da te citato un buon film. Nulla di più! A tratti anche noioso, ma con un Sam Rockwell davvero sopra le righe!! Credo che fondamentalmente la sua interpretazione faccia la differenza!! “…è molto facile dimenticare da che parte ci troviamo (uso il plurale)”. Un giorno potresti essere Arianna, un giorno Teseo, vittima o carnefice. O entrambi. Chi lo sa! Chi legge superficialmente ciò che scrivo, non può coglierne le molteplici sfumature. A volte potrebbero sembrare parole buttate a caso. Ma non è così. In ogni pezzo c’è la verità. La mia verità. Se la esplicassi con i cliché di molti che popolano queste pagine, mi darei alla pesca. Ecco può piacere o no la merda che scrivo, ma di sicuro non è banale. Ed è vera. Comunque grazie per il complimento. Per il vaffanculo c’è sempre tempo. Spero.

    1. Secondo me chi ama incondizionatamente ci crede davvero. Poi che sia amore vero o un semplice surrogato non lo saprai mai. La linea di confine è molto sottile soprattutto all’inizio. Posso dire che nel mio caso, quasi tutte presentano “la sindrome delle crocerossine”. Pensano di potermi salvare. Pensano che io voglia essere salvato. Pensano. È quello il guaio…

      1. Sorrido. Effettivamente il tuo scrivere ha solleticato la crocerossina che è in me (nonostante abbia ripetutamente tentato di abbandonarla sulla tangenziale! ).
        Lo so, sono fastidiose le donne che pensano. Spero di essere molto fastidiosa! 🙂

        1. Con questo freddo!! Sulla tangenziale!? Azz!! Non sono fastidiose le donne che pensano, anzi ad avercene!! Sono fastidiose quelle che pensano di cambiarmi!! Ahahah!! Morirò tondo. Mai quadrato!! (Ho una certa avversione per le forme spigolose!!)

      2. Mmmm…avevo scritto ” Mente pericolosa” e l’hai confutato…nello stesso tempo hai orrore di chi potrebbe traverstirsi da crocerossina. Vedo la chiara ombra di un lupo in attesa del pasto…😂

        1. Ahahahah!! Ma no! Nel senso che ho confutato il fatto di essere una “mente pericolosa”, come tu mi hai definito, in modo ironico. Solo che le faccine iphoniane, sul pc non compaiono. Questo non toglie che io possa essere anche un “lupo in cerca di un pasto”, in questo caso signorina (credo dal nick), può stare tranquilla, non la mangerò!! 😉

    1. 36 all’anagrafe!! Ma di tutta questa discussione, l’unica cosa intelligente che hai scritto è citare Achille Lauro, uno dei massimi poeti contemporanei, assieme a Cosimo Fini, Francesco Vigorelli, Fabio Rizzo, Maurizio Pisciottu, Nicola Albera e il migliore tra tutti Pierfrancesco Botrugno!! Anche se ancora adesso mi sfugge l’assonanza tra Esopo e Achille Lauro…probabile tu sia vecchia dentro!! 🙂

  4. Non poteva capitarmi di peggio che un patito di Pequeno & C., sfuggo dal blog del mio ragazzo per imbattermi in un altro purista di questo genere 😂 é una nemesi! Mbe’ in altra occasione spiegheró, per ora sto tranquilla, rispettando l’intimidazione del suddetto rago “Non hai connessioni neurologiche…” 😂😂😂
    Ah, grazie per l’apprezzamento per l’unico barlume di intelligenza! 😁😰

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...