Il Tempo di un Lento

Il tempo di un lento.
Tanto è durato il nostro amore.
Nessun messaggio, nessuna chiamata,
nessuna spiegazione.
Senza parole.
Come il tempo di un lento.
Dove a parlare sono sempre gli occhi,
dietro respiri a bassa frequenza.

Il tempo di un lento.
L’ho vissuto passivamente,
accompagnando i tuoi passi,
i tuoi movimenti.
Ho lasciato che fossi tu a guidare la danza,
tra i nostri corpi,
fino all’estasi,
fino a quel burrone.

Il tempo di un lento.
Hai spinto dolcemente,
senza esitare,
in un settembre anarchico,
un amore ormai comatoso.
Non ero preparato.
Come durante un lento,
quando senti che la musica sta per volgere al termine,
e non sai se parlare o baciarla.
Non sei preparato.
Ma tant’è.

Il tempo di un lento.
Una chiave d’ascensore, una foto tessera,
e queste parole che non leggerai mai.
Questo è tutto ciò che resta.
Insieme all’imbarazzo di quando la musica finisce.

Annunci

10 pensieri riguardo “Il Tempo di un Lento

    1. Non sono d’accordo su questo. Un intero concerto è una summa di emozioni, sensazioni, vita vissuta, che non sono paragonabili al tempo di un lento. Sebbene importanti quei tre minuti non sono le due ore di un concerto. Bruciano. Questo si. Ma consumano in fretta l’ardore. Ed io ho già spento le luci della festa.

  1. Mi ero abbandonata anche io alla malinconia del tuo lento, ma hai rimesso a posto le priorità delle esecuzioni musicali…”Ho gia’ spento le luci della festa.” E la vita continua, verso le note di ineccepibili cataclismi. 😏

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...